Featured Post

Attacks in Russian schools inspired by Columbine massacre

Three separate bloodbaths at Russian schools recently are all linked by the teenage attackers 'worshipping' the perpetrators of...

Monday, October 5, 2015

16enne americano stermina la famiglia

Un ragazzo di 16 anni, Nolan Buchanan, statunitense di Los Angeles, ha ucciso il padre, la matrigna, ed il fratellastro. Dopo aver compiuto il macabro gesto, il giovane ha dato fuoco al cottage, dove la sua famiglia aveva deciso di trascorrere qualche giorno di vacanza, per depistare gli inquirenti. Dopo l'insano gesto, il ragazzo si è recato presso la scuola che frequentava, come se nulla fosse accaduto.



Nolan Buchanan, è un adolescente statunitense di Benicia, Los Angeles, che vive con il padre, la matrigna, ed il fratellastro.
La sua famiglia aveva deciso di andare a passare qualche giorno di vacanza, in un cottage, nei pressi di Sacramento, ma il giovane aveva preferito restare a casa.
Il 13 Settembre scorso, la famiglia è partita. Poco dopo, il giovane si è messo alla guida della sua auto e li ha seguiti fino al cottage.
Giunto al cottage, il 16enne ha sparato a tutti i membri della sua famiglia, con un fucile calibro 22, uccidendoli, e poi ha dato fuoco al cottage, per nascondere le prove del macabro gesto, al fine di depistare le successive indagini.
Successivamente al fatto, il 16enne si è regolarmente recato presso la sua scuola di Benicia, in California, per frequentare le lezioni, come se nulla fosse accaduto.
A poche ore dalla strage famigliare commessa da Nolan Buchanan, i corpi del padre, della matrigna e del fratellastro sono stati ritrovati carbonizzati.
Gli investigatori hanno iniziano a sospettare del giovane quando alcuni testimoni oculari hanno dichiarato di aver visto girare in zona più o meno all'ora degli avvenuti omicidi, un pick-up bianco, come quello del ragazzo di Benicia.
Inoltre, gli inquirenti hanno ritrovato nella casa di Benicia della famiglia il fucile utilizzato dal giovane per la strage, e dei proiettili.
L'adolescente, è stato arrestato il primo ottobre scorso,nella sua scuola di Benicia, con l'accusa di tre capi d'accusa di omicidio, sotto gli sguardi increduli di compagni ed insegnanti.
Il procuratore Pierson ha dichiarato che il giovane verrà giudicato come un adulto.
Da una stima che parte dall'anno 1991, gli omicidi commessi da parte di adolescenti, hanno subito un incremento del 130%.
Molti studi sono stati condotti da parte di psicologi e psichiatri, per risalire alle cause che portano degli adolescenti a commettere omicidi.
Uno studio molto interessante, è stato condotto da ricercatori dell'Università di Grenoble in Francia, in collaborazione con quella tedesca di Hohenheim e con quella statunitense dell'Ohio.
I ricercatori sono riusciti a provare comel'utilizzo eccessivo di videogiochi violenti apporti dei cambiamenti comportamentali, rendendo i giovani più aggressivi ed ostili nei confronti altrui.
Questi risultati sono in linea con quanto sostenuto da ricercatori dell'University of Medecine di Indianapolis, secondo cui l'utilizzo eccessivo di videogiochi violenti modifica le aree del cervello umano legate alle funzioni cognitive e del comportamento.
Dunque, i videogiochi violenti rallentano e diminuiscono le facoltà di apprendimento, aumentando aggressività e ostilità.
Negli Stati Uniti, il 70% dei ragazzini di elementari e medie affermano di potersi procurare un'arma senza troppe difficoltà.
Il Presidente Obama, dopo le innumerevoli stragi accadute negli Stati Uniti in questi ultimi anni -  stragi nelle scuole ad opera di adolescenti - vorrebbe norme più severe riguardo la vendita di armi.
Ma il Congresso della National Rifle Association, cioè la lobby delle armi, impedisce un'azione veramente incisiva da parte di Obama.
Si tratta di una potentissima lobby, che spesso finanzia campagne pubbliche a favore del possesso di armi da fuoco: il loro motto, è che ogni cittadino rispettoso della legge debba avere la possibilità di difendersi dai disonesti.

Gavin Buchanan, 8, Molly McAfee, 37, and Adam Buchanan, 37, were found slain in the burned-out cabin

A 16-year-old boy has been charged with killing his father, the father's fiancee and their 8-year-old son, whose burned bodies were found in their rural Northern California cabin.

Nolan Buchanan was arrested at his high school in Benicia on Thursday, El Dorado County Sheriff John D'Agostini said at a news conference. 

He was charged as an adult with three counts of murder, District Attorney Vern Pierson said.

Authorities found the bodies in the aftermath of a September 13 fire at the family's cabin in Greenwood, about 50 miles northeast of Sacramento.

The remains were identified as Adam Buchanan, 38, his fiancee Molly McAfee, 37, and their eight-year-old son Gavin.

Nolan Buchanan told investigators the three took a trip to the cabin and he had chosen not to go, D'Agostini said.

The cabin was found burning in the middle of a 10-acre wildfire at about 11 a.m. on September 13, the sheriff’s office told CBS. 

After finding the blaze suspicious, deputies searched the Buchanan family home at 500 Cambridge Drive in Benicia, a San Francisco Bay Area city about 100 miles away.

They also searched Adam Buchanan's office in Benicia, seizing records, computers and a pickup truck.

The search turned up Adam Buchanan's wallet and ID, McAfee's purse, a gun, ammunition and other evidence that led to the arrest of Nolan Buchanan, D'Agostini said.

The white Ford F150 Pickup had been seen near the cabin on the weekend of the fire.

According to KRON 4, Police believe that Nolan told his family he would stay at home in Benicia while they went to the cabin.

He then drove to the cabin in the pick-up, gunned down his father, his stepmother-to-be and his stepbrother, and set fire to the property in an attempt to cover his tracks, police allege.

Nolan Buchanan continued to attend school even after the tragedy.

Police had suspected him from the start, according to reports.

The criminal complaint against Nolan Buchanan alleges that he shot each one of his three family members with a .22 caliber rifle, either on or about September 13, 2015.

The Benicia Unified School District issued a statement Thursday they worked closely with the El Dorado Sheriff’s Department during the investigation, however had no reason to suspect or question Nolan.  

'We (were) asked directly if the student gave any indication of being a risk to himself or others, and we were informed that he did not,' the statement said.

'We kept a close eye on the student, met with him daily, and were observant of any concerning behaviors for his safety and the safety of others.

'We now turn our attention to our students, staff and parents as we support them in the light of this tragic incident.' 

The teen was expected to appear in court Friday or Monday, Pierson said. 

It wasn't clear whether he had an attorney yet who could comment on his case.

The sheriff said such grisly cases are not unheard of in his mostly rural county, but they are rare. 

Oregon Shooter Committed Suicide (Under Psych Drugs?)


Gun Cult October 3, 2015



Ti piace?

No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...