Featured Post

Attacks in Russian schools inspired by Columbine massacre

Three separate bloodbaths at Russian schools recently are all linked by the teenage attackers 'worshipping' the perpetrators of...

Thursday, September 3, 2015

Omicidi-Suicidi Una lunga scia di sangue

Luigi Cuel ha soffocato e ucciso la fidanzata 18enne Cezara Musteata

PIANIGA. Due cadaveri, di un uomo e di una donna, marito e moglie, sono stati trovati all'interno di una abitazione in via Papa Luciani 16. Si teme un nuovo caso di omicidio suicidio.


L'uomo, Gianni Garbin, 58 anni lavorava in una ditta di commercio carni di Santa Maria di Sala, è stato ritrovato nella cantina garage. Si è dato la morte impiccandosi.

Il cadavere della moglie, Daniela Masaro, 55 anni, infermiera a Dolo, era invece nella camera da letto del loro appartamento, al terzo piano della palazzina.

Gianni Garbin prima di togliersi la vita ha chiamato il cognato, spiegandogli cos'era successo. È stato lui, a correre in via Papa Luciani 16 e a scoprire i due corpi.

Secondo il sindaco di Pianiga, Massimo Calzavara, amico dell'uomo, Gianni Garbin era una persona mite e gioviale: "Era educatissimo e sempre pronto ad aiutare gli altri. Nessuno si sarebbe mai potuto aspettare una cosa del genere. Siamo tutti sconvolti".

Marito e moglie trovati mortiin casa: ipotesi omicidio-suicidio  2 Settembre 2015

Ha trascorso una vita intera al fianco della moglie gravemente malata. «Aveva seri problemi psichiatrici», confermano gli inquirenti. Lui l’ha aiutata e accudita per anni. La mattina di mercoledì, in preda allo sconforto e alle prese con la depressione per la pesante situazione familiare,l’ha uccisa.

76enne uccide la moglie e poi tenta il suicidio 

Una storia finita nel sangue quella tra Natalina Badini, 70 anni, e il marito Bruno Caprioli, 76enne ora in carcere con l’accusa di omicidio. «Confermo che la donna era molto malata e che il marito l’ha assistita per tantissimi anni», ha affermato l’avvocato Giovanni Bonomi, legale di fiducia dell’anziano.
La coppia viveva in un appartamento a Lumezzane e la tragedia si è consumata alle 6. «Abbiamo sentito dei rumori e le urla», raccontano i vicini di casa degli anziani coniugi.
Bruno Caprioli ha impugnato un coltello da cucina e ha colpito cinque volte all’addome la moglie, che era ancora a letto. Poi ha telefonato al figlio: «Vieni, ho ucciso la mamma». L’anziano ha poi tentato di togliersi la vita: ha ingoiato alcuni farmaci, ma è stato salvato dall’arrivo dei soccorsi.
Trasportato in codice giallo all’ospedale Civile di Brescia, è stato salvato dai medici. Nel primo pomeriggio l’uomo è stato poi portato nel carcere di Canton Mombello, come disposto dal magistrato di turno Mauro Tenaglia.
«Bruno Caprioli parlerà davanti al Gip nel corso dell’interrogatorio di convalida dell’arresto. Ora è sotto choc», ha affermato il legale del 76enne.
Il fatto di sangue di Lumezzane ha avuto luogo a poche ore e qualche chilometro di distanza da un’altra vicenda drammatica. L’omicidio-suicidio avvenuto martedì sera a Lonato, dove il 44enne Luigi Cuel ha soffocato e ucciso la fidanzata 18enne Cezara Musteata, di origini moldave, e poi si è tolto la vita impiccandosi ad un albero.

Uccide la fidanzata e si suicida

L’uomo, che ha lasciato una lettera nella quale ha spiegato il gesto, non accettava la fine della relazione voluta dalla giovanissima, studentessa a Desenzano del Garda e residente con la madre ed il fratello a Castiglione delle Stiviere.
«Martedì non si è presentato al lavoro, ha detto che aveva bisogno di una giornata libera», ha raccontato il datore di lavoro del 44enne, magazziniere in una concessionaria d’auto. «Era strano, si vedeva che aveva qualche problema, ma a nessuno aveva parlato della sua relazione», ha poi aggiunto il datore di lavoro di Luigi Cuel.

Psicolabile uccide la madre e si lancia dal quinto piano July 22, 2015





Padre si getta con i due figli nel Creux de Van August 15, 2015




Ti piace?

No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...