Featured Post

Attacks in Russian schools inspired by Columbine massacre

Three separate bloodbaths at Russian schools recently are all linked by the teenage attackers 'worshipping' the perpetrators of...

Wednesday, September 2, 2015

HEROES Mass Murders and the Psycho-Scape


A few hours after last week's murder of a television reporter and her cameraman in Moneta, Va. -- broadcast live, as it was happening, on a local morning news program -- the killer released his own video. Evidently recorded with a digital camera carried at eye level, it puts the viewer in his place as he walks towards his victims. Once at point-blank range, the gun in his right hand enters the bottom of the screen, moving unsteadily for a few (very long) seconds, taking aim and firing.

The killer made sure this unsettling document went public via social media. Before long, someone had combined it with footage of the shooting as it had aired on television to create a synchronized split-screen record of the event, like a scene in a Brian De Palma movie. 

LA MORT EN DIRECT August 26, 2015

I've read about this mash-up but not seen it, and won't, and will refrain from speculating on why anyone considered it a potential worth realizing. (Watching the TV clip and the killer's point-of-view video on the day of the shootings left me feeling morally compromised enough, thank you very much.)


But the whole obscene spectacle echoes a number of points made by Franco Berardi in Heroes: Mass Murder and Suicidepublished by Verso this spring -- a book I have considered discussing in this column for a couple of months now, while also wanting to avoid it for reasons that the author himself would clearly understand. 
Crime, mass murders, suicide -- these are not subjects for a good-natured guy,” he writes. “I’m not a morbid person …. Nevertheless, at the end of summer 2012, I started writing this text almost in a state of rapture, half-consciously, dragged by a sort of excitement and curiosity, and primarily driven by the perception that here, in these dark subjects, there is something peculiar to the spirit of our time.”
The author, who also goes by the nickname Bifo, teaches the social history of communication at the Accademia di belle Arti in Milan and worked with Radio Alice, the now legendary pirate radio station that broadcast in Italy during the mid-1970s. (He gave an interesting interview about Radio Alice in 2010.)
The summer of 2012, when Berardi started writing the new book, was also when James Holmes opened fire on the audience of a late-night screening of a Batman film in Aurora, Colo., killing a dozen people and wounding many more. Holmes entered the theater wearing paramilitary gear (gloves, gas mask, helmet, etc.) and a number of survivors remarked that their first thought was that he was engaged in a publicity stunt or some kind of fan role play. One patron resorted to a cinematic reference to describe the scene after Holmes opened fire: “The guy looked like the Terminator. He didn’t say anything. He was just shooting and shooting and shooting.”
Berardi followed the news, struck by the idea that Holmes “wanted to eliminate the separation between the spectator and the movie; he wanted to be in the movie.” 
And in that regard Holmes belongs to a subset of the spree killers of recent years -- those who document themselves, leaving behind diaries, written or video, as well as detailed explanations for why they are doing what they do. They don't just kill people at random and then, usually, themselves. They prepare press kits first. (Holmes did not kill himself, but suicide by cop seems at least a very probable outcome of any such incident.)
Other cases Berardi writes about are Eric Harris and Dylan Klebold, the Columbine killers, and Seung-Hui Cho, who massacred 32 people at Virginia Tech in 2007. But the phenomenon is not strictly American, and Berardi also discusses Pekka-Eric Auvinen, who killed eight people and himself at his high school in Finland, and Anders Breivik, who massacred 77 people in Norway.
The book might well have included Elliot Rodger, who recorded a smirking rant on video and circulated an interminable autobiographical statement called “My Twisted World” before killing six people and himself in Isla Vista, Calif., last year. And now we have Vester Flanagan, also known as Bryce Williams. His innovation went beyond merely explaining himself (he faxed a lengthy suicide note after the shooting), by giving the vast, anonymous Internet public his point of view on the crime, in as literal a sense as possible.
In calling his book Heroes, Berardi is both indulging an especially dark sense of irony and pointing out something at least as horrifying as the crimes. “Roaming in the blogosphere,” he says, “I read texts of young students who declare to be admirers of [Seung-Hui] Cho because they feel the same hatred for the bullying that they have endured for years.” From a little supplementary roaming, one learns that Cho expressed admiration for the two Columbine killers -- while Vester Flanagan paid his respects to all three in his suicide note.

Vester Flanagan Praised Columbine & Virginia Tech Mass Killers August 27, 2015

Only parts of the written and video communications Cho sent to NBC News were made public at the time -- a decision that Berardi guesses was made “because they sounded too much like a frightening manifesto for the frail people of the precarious generation, a call to explosive suicide launched to all the lonely young nerds of the world.” Clearly the effort at containment did not work, and today no gatekeeper can prevent the killer’s statement from circulating in full and immediately.
But overt bullying of the traditional sort -- the harassment and torture, verbal and physical, of one’s peers -- forms only part of the experience of shared misery that Berardi considers. more pervasive are the strains of precarity (a labor market geared to temporary work, without benefits and even the minimal continuity of personnel that makes friendship or sociability possible) and of constantly being drawn into the digital vortex:
“The individual is a smiling, lonely monad who walks in the urban space in tender continuous interaction with the photos, the tweets, the games that emanate from a personal screen. The social relation is transformed into a cabled interconnection whose rules and procedures are hidden in the coded linguistics of the web.” (Think of the like button on Facebook as an example.)
The point here is not, of course, that YouTube and instant messaging have spawned robotic psycho killers programmed to avenge themselves on society by going on suicide missions. Berardi’s larger point is that most of the suffering involved never reaches the point of exploding into violence -- and when it does, the violence tends overwhelmingly to be self-inflicted. 
In a classic sociological study, Emil Durkheim characterized some forms of suicide as anomic, resulting from feeling disconnected from or unnecessary for social life. But anomie is the new normal
According to the World Health Organization,” Berardi writes, “suicide is today the second cause of death among young people, after car accidents, which is often a disguised form of suicide.” He also cites a report from WHO that indicates a 60 percent increase in the suicide rate over the past 45 years.
The resentment, narcissism, scapegoat seeking and rage of those who use mass media and mass murder to remind the world that they exist are pathological. But they are also, in Berardi’s analysis, extreme forms of “a paralysis of empathic relations and an increasing fragility of the common ground of interpersonal understanding [that] are becoming common features in the psycho-scape of our time.”
An empirical-minded social scientist would probably dismiss all of this as so much impressionism and speculation. But it reverberated in my head after seeing Vester Flanagan’s video a week ago, and I’m all too certain that won’t be the last time.


"Heroes. Suicidio e Omicidi di Massa" investiga la relazione tra capitalismo e salute mentale in un viaggio attraverso la filosofia, la psicoanalisi e gli eventi di cronaca più recenti, in cerca delle ragioni sociali che stanno alla base dei disagi mentali della nostra epoca.

Questo libro è dedicato alla tendenza che domina l’età del capitalismo finanziario: il suicidio. Non si tratta soltanto dell’inquietante aumento del tasso di suicidio individuale (60% di aumento negli ultimi 40 anni), ma del fatto che l’umanità intera sembra avere scelto di suicidarsi. Forse la decisione l’hanno presa in pochi, ma tutti siamo costretti a prenderne atto. O forse non l’ha proprio deciso nessuno, ma tutti siamo in trappola in questa carlinga che vola nella notte della follia finanziaria, mentre non sappiamo come aprire la porta della cabina di pilotaggio. Tanto dentro il pilota non c’è. L’ha detto varie volte Mario Draghi, che passa per un signore molto assennato. Non importa per chi votate alle elezioni, ha detto Draghi. Non importa quale governo abbiano scelto i greci, non importa che voi siate d’accordo oppure no. La politica economica europea va avanti con il pilota automatico. E dove ci porta il pilota automatico dovremmo averlo capito

Affrontando una vasta gamma di orrori – la sparatoria ad Aurora alla prima di Batman, Anders Breivik, i massacri scolastici americani, l’epidemia di suicidi in Corea e in Giappone e  la recente ondata di ‘suicidi da austerity’ in Europa –Heroes esplora l’ombra sinistra proiettata dall’ossessione contemporanea verso la competizione implacabile e l’iperconnettività.

Partendo dalle teorie di Baudrillard e Debord, in questo saggio Bifo ragiona sul come le malattie mentali siano storicamente e culturalmente determinate e sul come queste comportino reazioni inusitate, violentissime e atroci (si pensi allo schianto tra i picchi alpini dell’airbus della Germanwings pilotato da Andreas Lübitz).

Come scrive Jérôme Roos commentando il saggio di Berardi ne Il nichilismo neoliberale e la politica del suicidio-omicidio di massa, riflessione comparsa in traduzione italiana su ZNetItaly, Bifo si concentra sulle pulsioni che permeano la cultura attuale: nichilismo e spinta al suicidio, fenomenologia del panico, aggressione e conseguente violenza, pulsioni tali da rendere alcuni eventi impossibili da liquidare come episodi eccezionali: la morte di molti causati dal suicidio di uno “non è più un fenomeno marginale di psicopatologia isolata, ma sta diventano un agente importante della storia politica del nostro tempo.”

«Bifo osserva che è possibile scoprire nelle azioni di molti assassini di massa contemporanei, un’intenzione spettacolare che ha qualcosa a che fare con la promessa di Warhol: “in futuro ognuno sarà famoso nel mondo per 15 minuti. Cioè, ha a che fare ha bisogno di essere visto alla televisione come sola prova della sua esistenza. Questo forte desiderio di identificazione che trova la sua espressione patologica più distruttiva nel caso di uccisioni di massa come quella di Lübitz (il pilota di Germanwings che nel marzo 2015 ha causato la morte di 150 passeggeri, schiantandosi deliberatamente con l’aereo che pilotava, ndr) si è molto intensificato nei decenni recenti, come conseguenza della quasi completa erosione dei legami di comunità e delle reti di protezione sociale

Come dice Bifo, ‘la nostra intera vita precaria è sottomessa questa unico imperativo: competizione. Tutte le nostre energie collettive sono “reclutate” a un solo scopo: combattere contro tutti gli altri allo scopo di sopravvivere

«Quando viene spinta agli estremi e quando le si impongono i “mondi della vita” di centinaia di milioni di persone, questa soggettività ansiosa e scontenta, di tensione permanente e di iper-competitività è destinata, a un certo punto, a produrre dei mostri – almeno tra una piccola sotto-sezione mentalmente vulnerabile della popolazione totale. In un commento sul massacro del volo della German Wings, Bifo scrive che per questo  gruppo particolarmente sensibile di persone (spesso uomini giovani), ‘il decretare di essere un vincitore, paragonato con la consapevolezza che vincere è impossibile, significa che l’unico modo per vincere (almeno per il momento) è di distruggere la vita degli altri e poi di suicidarsi.‘»

«Tuttavia, come osserva Bifo nel suo libro Heroes, ‘l’omicida che uccide molte persone in una volta, è soltanto una manifestazione eccezionale di una tendenza generale in questa mutazione della mente umana.’ Quello che è stato stabilito al livello della psiche collettiva negli scorsi 30 anni è ‘una forma suicida della volontà neoliberale di vincere‘: una spinta sfrenata verso una necessità sempre più grande di riaffermare noi stessi per mezzo di atti auto-distruttiviColoro che si ipotizza siano “riusciti” diventano assolutamente stakanovisti;  i “normali” sono soggetti a tensione inarrestabile e a dubitare di loro stessi;  e i “perdenti” diventano dipendenti da anti-depressivi e da sonniferi, o da sistematico abuso di droghe come forma di auto-cura. I più deboli, nel modo più tragico, si spengono tranquillamente da soli.»

«Fin qui la spietata analisi di Bifo» scrive Gabriele Romagnoli su La Repubblica. «Quanto ai rimedi, si sconta come spesso la maledizione di Karl Rove, gran consigliere di George W. Bush: “Noi creiamo la realtà, voi la studiate. E mentre voi interpretate quella realtà, noi ne creiamo un’altra che voi studierete e così via.” I Bifo studiano, i Rove creano. Se il seme del male è nella società in cui viviamo, occorrono creatori alternativi, non regressivi, capaci di fare mondi e di agire non sull’insieme, ma sul singolo, rendendo la sua mente aperta e disponibile all’impopolare eppur salvifica e perfino felice ipotesi dell’insuccesso


Gli omicidi/suicidi che hanno compiuto i giovanissimi Eric Harris e Dylan Klebold nella Columbine High School, il diciottenne Pekka-Erik Auvinen a Tussula, Finlandia, James Eagan Holmes che irrompe in un cinema di Aurora, Colorado, che proietta l’ultimo film di Batman, lo studente Seung-Hui Cho al Virginia Polytechnic Institute (ma non mancano casi affini in tempi meno recenti: la strage del ventiquattrenne Marc Lépine all’ École Polytechnique de Montréal, mirabilmente raccontata in un film asciutto e realista come Polytechnique di Denis Villeneuve, del 2009, le cui immagini commentano questo articolo) fino ad arrivare a Anders Behring Breivik e alla sua strage a Utoya, sono per Bifo “la manifestazione estrema di una delle principali tendenze della nostra era“, non scollegati da altri fenomeni, come la segregazione volontaria degli Hikikomori e l’aumento vertiginoso del tasso di suicidi tra i giovani giapponesi (viene analizzato proprio in questi giorni in un articolo su Il Fatto Quotidiano che commenta come per il terzo anno consecutivo nel paese del Sol levante il suicidio sia la prima causa di morte tra i giovani sotto i ventiquattro anni).

Il viaggio di Bifo tra gli omicidi di massa e i suicidi – così Mauro Trotta in Uscite di sicurezza dalla catastrofe su Il Manifesto – parte dalla consapevolezza che «”quando il caos ha prevalso, l’eroismo epico” è stato sostituito da gigantesche macchine di simulazione“: e il caos in cui tutti ci troviamo è la diretta conseguenza del nuovo modo di produzione, del «semiocapitalismo» – come preferisce chiamarlo l’autore – che ha trasformato la realtà concreta in astrazione, distruggendo l’intelligenza collettiva, o meglio parassitandola.»

«Tutto è diventato «immagini, algoritmi, ferocia matematica e accumulazione del nulla nella forma del denaro‘. 

Tutto è stato risucchiato in buco nero finanziario. Così l’umanità sembra sempre più incapace di empatia e solidarietà. La storia appare ormai come un flusso infinito in cui si ricombinano immagini frammentarie. La politica una frenetica e precaria attività senza alcuna visione strategica. 

Ma se è vero che, come afferma Hölderlin, proprio dove c’è pericolo si origina la salvezza, occorre appunto immer­gersi nell’orrore. Bisogna dunque cartografare la «terra desolata» dove l’immagimazione sociale giace come congelata e sottomessa all’immaginario ricombinante aziendalista. E da qui ripartire per provare a riattivare la sensibilità delle per­sone affinché l’umanità possa di nuovo riconoscere se stessa, le proprie capacità deside­ranti, empatiche, vitali.»

FRANCO «BIFO» BERARDI PRESENTA “HEROES: SUICIDIO E OMICIDI DI MASSA” A BOLOGNA 29 mag, 2015

LA MOSTRA DELLE ATROCITA' 24 LUGLIO 2008




AMERICAN PSYCHO January 9, 2011





Ti piace?

No comments:

Post a Comment

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...