Featured Post

Attacks in Russian schools inspired by Columbine massacre

Three separate bloodbaths at Russian schools recently are all linked by the teenage attackers 'worshipping' the perpetrators of...

Monday, August 26, 2013

Usa: a otto anni, gioca a videogame violento e poi uccide nonna

Un bambino di otto anni ha ucciso deliberatamente la nonna 90enne dopo aver giocato a un videogame violento con la Playstation. E' quanto accaduto giovedì in Louisiana ma le autorita' hanno accertato solo nelle ultime ore che il bambino ha agito di proposito sparando alla donna alla testa mentre questa guardava la televisione. Inizialmente infatti il ragazzo - di cui non e' stato diffuso il nome a causa dell'età - aveva dichiarato che si era trattato di un incidente mentre stava giocando con l'arma da fuoco. Il bambino non rischia alcuna accusa penale perche' la legge della Louisiana esenta i minori di 10 anni da responsabilita' penali. Ora si trova con i genitori. Gli investigatori hanno accertato che pochi minuti prima dell'uccisione della nonna, il bambino stava giocando alla Playstation a Grand Theft Auto IV, un popolare videogame che negli Stati Uniti è sconsigliato ai minori di 17 anni.

Usa: a otto anni, gioca a videogame violento e poi uccide nonna 26 agosto 2013


Ti piace?

Brucia l'auto con dentro le figlie piccole

Dramma familiare in Svizzera: a Grabs, nel canton San Gallola polizia ha rinvenuto domenica sera i corpi carbonizzati di due bimbe - una di 2, l'altra di 5 anni - in un'automobile distrutta dalle fiamme. Il padre, uno svizzero di 44 anni, è stato ritrovato poco lontano gravemente ferito. È deceduto dopo il ricovero in ospedale, in seguito alle gravi ustioni. La storia ricorda da vicino quella delle gemelline Alessia e Livia, le bambine svizzere di 6 anni fatte sparire due anni fa dal padre, suicida, sempre in Svizzera.
OMICIDIO-SUICIDIO - Per gli inquirenti di San Gallo che indagano sull tragedia potrebbe trattarsi di omicidio-suicidio. Come riporta l'Agenzia telegrafica svizzera, la madre delle piccole aveva allertato la polizia poco prima delle 15. Agli agenti la 34enne aveva raccontato che l'uomo, da cui era separata da qualche mese, si era recato senza avvertire da alcuni parenti per prendere le due bimbe ed era poi ripartito con la sua vettura. Immediatamente è scattata un'operazione di ricerca.
CADAVERI CARBONIZZATI - Poco più tardi, la centrale d'allarme è stata informata dell'incendio di una macchina in una radura della regione di Grabs. Una volta arrivati sul posto i vigili del fuoco e le forze dell'ordine hanno fatto la scoperta: all'interno del veicolo c'erano i cadaveri carbonizzati di due bambine. Qualche dozzina di metri più in là c'era un uomo, gravemente ferito. Trasportato d'urgenza all'ospedale in elicottero è morto in serata. In seguito, è stato confermato che era il padre delle bambine. Resta da chiarire se le sorelline siano state uccise, e come, prima di essere bruciate o se invece siano state arse vive. Per gli investigatori il responsabile del delitto sarebbe comunque il 44enne genitore. «Secondo una prima ricostruzione l'uomo - già noto alle forze dell'ordine - ha incendiato l'auto», ha spiegato lunedì mattina il portavoce della polizia Hanspeter Krüsi. Aggiungendo: «Possiamo escludere un incidente».

Brucia l'auto con dentro le figlie piccole Poi muore anche lui per le ustioni 26 agosto 2013


Ti piace?

Sunday, August 25, 2013

Accoltella la moglie mentre dorme e tenta il suicidio

Ha massacrato la moglie con un coltello da cucina e poi ha tentato il suicidio. Ora Ugo Basilio Lai, allevatore in pensione di 70 anni, e' ricoverato all'ospedale di San Gavino Monreale (Medio Campidano) dove non sarebbe in pericolo di vita. La tragedia si e' consumata ieri notte a Guspini (Medio Campidano), quando il pensionato - poco prima delle tre del mattino - ha accoltellato la moglie, Giuseppina Brodu, mentre dormiva. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, la vittima - colpita al torace da una decina di fendenti - non avrebbe avuto nemmeno il tempo di capire cosa stava accadendo.
  L'uomo si e' poi trascinato sulla veranda di casa e ha tentato il suicidio con la stessa arma, ma il suo tentativo e' stato interrotto dall'arrivo dei soccorritori. L'allarme e' stato lanciato dal figlio della coppia che viveva con loro nella casa poco fuori dal paese, in localita' Arriopus. Resta ancora da chiarire il movente di quanto accaduto ma i coniugi - entrambi originari di Desulo (Nuoro) - pare soffrissero di crisi depressive.

Accoltella la moglie mentre dorme e tenta il suicidio 25 AGO 2013


Ti piace?

Wednesday, August 21, 2013

Usa, tre adolescenti "annoiati" uccidono un ragazzo scelto a caso

T
re ragazzi si sono trasformati in assassini "per gioco, perché annoiati". E' successo in Oklahoma, negli Stati Uniti, dove
tre adolescenti di 15, 16 e 17 anni hanno sparato alla schiena di un ragazzo australiano che stava facendo jogging, scelto a caso come obiettivo per provare un po di divertimento, secondo la ricostruzione della polizia.
Christopher Lane, 22 anni, di Melbourne, è stato trovato morto lungo una strada di Duncan, a un'ottantina di chilometri da Oklahoma City. Studente e giocatore di baseball, il ragazzo era da poco tornato negli Stati Uniti dall'Australia, e si trovava a Duncan dalla fidanzata.
Mentre correva, nei pressi della casa della ragazza, ha incrociato la macchina con a bordo i tre ragazzi, che lo hanno ucciso con un colpo di pistola. Grazie alle telecamere di sorveglianza e alla telefonata di un testimone, la polizia ha rintracciato l'auto in un parcheggio di una chiesa, con i tre adolescenti ancora a bordo.
Chancey Allen Luna, 16 anni, l'autore materiale dell'assassinio, e James Francis Edwards Jr., 15 anni, saranno processati per omicidio di primo grado, e rischiano l'ergastolo, secondo i media locali. Sul terzo, Michael Dewayne Jones, 17 anni, alla guida del veicolo, pendono accuse minori.

Usa, tre adolescenti "annoiati" uccidono un ragazzo scelto a caso 21 agosto 2013


Ti piace?

Tuesday, August 20, 2013

Avvelena moglie con insetticida e poi si uccide

Un uomo ha avvelenato la moglie con un insetticida e poi si è ucciso usando lo stesso veleno. E' successo a Castelnovo di Sotto, in provincia di Reggio Emilia. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del paese, che stanno indagando sull'accaduto. La donna, ricoverata in prognosi riservata all'ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, stamane è stata dichiarata fuori pericolo. La donna, 65 anni, è ricoverata in medicina d'urgenza. Si attendono gli esiti delle indagini tossicologiche per confermare il veleno ingerito. Il marito, invece, era già morto quando sono arrivati i soccorsi.

Ti piace?

Tuesday, August 6, 2013

Usa, folle spara durante riunione pubblica: 3 morti

Un uomo armato ha fatto fuoco durante un incontro pubblico in una cittadina della Pennsylvania, uccidendo almeno tre persone. Lo rende noto la polizia. La sparatoria è avvenuta nella township di Ross della contea di Monroe, poco dopo l'inizio della riunione cominciata alle 19 ora locale. Secondo la stazione locale della Nbc, altre tre persone sarebbero rimaste ferite, compreso il folle assalitore.
Il quotidiano Pocono Record riferisce che un responsabile locale sarebbe riuscito a disarmarlo e a sparargli con la sua stessa arma. "Abbiamo sentito almeno 10 spari in rapida sequenza", afferma un testimone citato dall'edizione web del giornale.

Usa, spara durante riunione pubblica: 3 morti 06 agosto 2013 


Ti piace?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...